NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itParigi

EVENTI NEWS

Gianni Rodari: le celebrazioni per i 100 anni dalla nascita

Gianni Rodari Favole Al Telefono Copertina

Quarant’anni fa moriva Gianni Rodari. Quel 14 aprile 1980 se ne andava uno dei più innovativi tra gli autori italiani consacrati all’infanzia. Ma oggi vogliamo ricordare un’altra ricorrenza. Infatti, in Italia e non solo, si celebre il centenario dalla nascita dello scrittore e pedagogista. A distanza di tanti anni dalla morte, e ancora più dalla nascita, vogliamo ricordare questo grande autore.

Gianni Rodari: con lui nasce la letteratura per l’infanzia in Italia

Quando si pensa a Gianni Rodari si pensa alla letteratura per ragazzi. I suoi racconti, le filastrocche e le poesie, ormai dei classici della letteratura per l’infanzia, ne hanno scardinato e completamente rinnovato le basi. Basti pensare al saggio Grammatica della fantasia, e poi Filastrocche in cielo e in terra, Il libro degli errori, Favole al telefono. Molti di questi lavori hanno visto anche varie collaborazioni con Bruno Munari che per Einaudi ne ha curato grafica e illustrazioni. Entrambi insieme, ognuno nel suo ambito, hanno saputo scrivere un nuovo linguaggio dedicato ai bambini, sotto il segno dell’immaginazione. La figura di Gianni Rodari, infatti, già a partire dagli anni ’50 rappresenta una forte intenzione di invertire la funzione legata alla parola per investirla di un potenziale di apprendimento ludico e educativo.

Il mondo dell’infanzia, la parola, l’immaginazione

Centrale al lavoro di Rodari è l’attenzione portata al mondo dell’infanzia, nella necessità di donare ai suoi piccoli lettori una nuova prospettiva sul mondo (in questo caso fantastico) attraverso la parola. 

Gianni Rodari ritratto
Gianni Rodari. Foto: ©Commons Wikimedia

Rodari mette in atto un processo sperimentale grazie a una dinamica narrativa innovativa proprio attraverso le parole, deformate pur di avvicinarsi all’elemento legato all’immaginazione. E lo stile di Gianni Rodari è esattamente così: le combinazioni linguistiche, i giochi di parole, possono essere leggeri ma incisivi, per stimolare il gioco e la fantasia in un modo totalmente creativo. È proprio questo concetto centrale di creatività che gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo autonomo del pensiero del bambino, se combinato con il gioco, l’immaginazione.

Gianni Rodari e il suo “metodo”

Gianni Rodari è stato il più grande scrittore di favole e filastrocche del novecento italiano. Con il suo “metodo” – la “rivoluzione Rodari” – il bambino diventa il protagonista per la prima volta di tutto il suo processo creativo, perché grazie all’immaginazione può decidere quali elementi in suo possesso utilizzare e come. Il “Metodo Rodari” è il seguente: basta smontare i meccanismi del linguaggio e rimontarli grazie a vari strumenti come la filastrocca, l’associazione di immagini, il surreale, la rima, perfino l’errore. In questo modo si segue la “grammatica della fantasia” per portare il bambino a inventare le proprie storie autonomamente.

Gli eventi per celebrare in centenario dalla nascita di Gianni Rodari

E proprio in occasione del centenario dalla nascita dello scrittore – che cade proprio oggi, il 23 ottobre – in Italia e nel mondo si susseguono gli eventi per ricordare questo grande intellettuale e autore. Tantissime sono le iniziative e le pubblicazioni promosse all’interno delle scuole (ce ne sono tantissime a lui dedicate), dei centri culturali, in tv. 

Sky Arte propone “C’era due volte Gianni Rodari”, con il contributo di Neri Marcorè e Rodrigo D’Erasmo. Invece è appena uscita nelle librerie l’opera omnia di Gianni Rodari pubblicata dalla celebre collana ‘I Meridiani’ di Mondadori

Anche Parigi ha voluto a suo modo celebrare il Maestro Rodari, nell’ambito del festival Italissimo con una lettura illustrata di Favole al telefono a cura di Valentina Gardet e Chiara Armellini

Gianni Rodari: le celebrazioni per i 100 anni dalla nascita ultima modifica: 2020-10-23T09:46:10+02:00 da Serena Mascoli
To Top