NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA
VIVERE A PARIGI

Aupair. Come realizzare un soggiorno all’estero divertente e costruttivo

Aupair

A molti di voi la parola Aupair potrebbe non dire molto. A scanso di equivoci, no, non è un piatto esotico e neanche una nuova disciplina simile al pilates.

Nessuna idea? Niente panico, siamo qui anche per questo. Se avete voglia di lanciarvi in una permanenza all’estero e se amate passare del tempo con i bambini forse quella da Aupair è proprio l’esperienza che fa per voi!

Ragazzo o ragazza Aupair, ovvero alla pari. Di che si tratta?

Un aupair è un giovane, solitamente entro i 30 anni, che per un periodo di tempo si trasferisce all’estero per vivere con una famiglia e occuparsi dei loro bambini. In cambio dei suoi servizi da baby-sitter riceve vitto, alloggio e un piccolo stipendio.

Ma quali sono i motivi che potrebbero spingere un giovane a fare questo tipo di esperienza ?

Molteplici possono essere le ragioni, tra tutte spicca ovviamente la voglia di fare un soggiorno all’estero.  L’esperienza aupair vi permette di conciliare questa voglia di scoperta e di avventura con le esigenze pratiche del caso. Ovvero avere un tetto sopra la testa e qualche soldino da parte per finanziare, ad esempio, un corso di lingua.

Ingrediente fondamentale per imbarcarsi in questa avventura è ovviamente l’avere un ottimo feeling con i bambini e amare trascorrere del tempo con loro. A questo mescolate dolcemente fantasia, pazienza, coccole e risate. Ma la ricetta prevede anche una buona dose di flessibità e un bel pizzico di collaborazione. Quasi sempre, infatti, viene richiesta la partecipazione attiva alle faccende domestiche. Nulla di anormale, insomma, come in ogni famiglia, i compiti casalinghi (spesa, pulizie, lavatrici, etc..) si condividono !

Se cercate, quindi, solo un modo « facile » per avere un tetto sulla testa cambiate strada finché siete  in tempo, l’esperienza rischierebbe di rivelarsi negativa per entrambe le parti.

Come aupair, infatti, entrerete in punta di piedi all’interno di una famiglia, vivrete nella loro casa, condividerete con loro momenti intimi di una giornata che generalmente un classico baby-sitter non vive. Diventerete presto qualcosa di più di un compagno di giochi per i loro cuccioli d’uomo. Soprattutto con questi ultimi, fiducia reciproca, responsabilità e implicazione personale saranno il lievito che permetterà alla relazione di crescere. Diventerete un adulto di riferimento, a volte addirittura una vice-mamma&papà, a seconda delle esigenze e dei ritmi di vita della famiglia. Se l’alchimia sarà perfetta, vi sentirete e sarete accolto come una parte integrante della famiglia e potrete portare avanti nel frattempo i vostri progetti personali.

Aupair

Lavorare come baby-sitter e poter approfittare della città nel tempo libero. Come vivere all’estero divertendosi!

Consigli pratici per futuri Aupair a Parigi

Ricerca. Qui il nostro consiglio low cost ma efficace per trovare la vostra famiglia ospitante. In alternativa, numerose sono le agenzie specializzate che  aiutano a mettere in contatto la famiglia con l’aupair giusto e viceversa.

Tempistica. Il periodo ideale per trovare una famiglia è giugno-agosto.

Durata ottimale. Idealmente è di 10-12 mesi. Garantisce alla famiglia la stabilità durante tutto l’anno scolastico e anche voi avrete il tempo per sviluppare i vostri progetti personali per un periodo sufficientemente lungo.

Contratto. Ogni esperienza è unica, come ogni famiglia. I dettagli della collaborazione vengono stabiliti in base alle esigenze della famiglia. Orari di lavoro, compiti da svolgere, organizzazione durante le vacanze scolastiche possono quindi variare. Generalmente, invece, il compenso subisce poche variazioni: 350€ al mese + vitto e alloggio+ 50% dell’abbonamento ai mezzi pubblici.

Tante altre cose ci sarebbero da dire ma per essere breve, se mi chiedessero se mi sono pentita di aver vissuto a Parigi 2 anni come aupair non esiterei a rispondere. Assolutamente no! Provate per credere !

Aupair

Tenere scene di vita quotidiana di un’aupair a Parigi 🙂 !

Roberta Guttadauro

Autore: Roberta Guttadauro

Nata e cresciuta sotto il sole siciliano, è una cittadina del mondo : zaino in spalla, Nikon al collo e taccuino sempre a portata di mano. Parigi è attualmente il luogo che ha scelto per scoprire nuove culture, lingue, cibi, prospettive, sempre con curiosità e a ritmo di Swing.

Aupair. Come realizzare un soggiorno all’estero divertente e costruttivo ultima modifica: 2017-08-10T17:33:16+00:00 da Roberta Guttadauro

Commenti

To Top