NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itParigi

NEWS

Entrare in Italia dalla Francia: le norme del nuovo DPCM

Entrare In Italia Dalla Francia Tampone Covid

Obbligo di tampone, nuove norme e restrizioni per entrare in Italia dalla Francia: ecco qui i punti salienti dell’emergenza Coronavirus. Com’era prevedibile, dopo l’estate, il Covid-19 è più presente che mai e minaccia nuovamente molti paesi europei. L’Esagono conta più di 12000 contagi al giorno con la regione parigina tra le zone rosse e Marsiglia, contrassegnata da un inquietante bollino nero. Che cosa fare quindi se si parte dalla Francia per tornare in Italia?

Il nuovo DPCM sulle norme per entrare in Italia dalla Francia

Mentre la Francia si avvicina a un secondo lockdown, l’Italia mostra segni di incoraggiante stabilità. Ma cosa fare se si è costretti ad entrare in Italia dalla Francia? Riportiamo qui di seguito, il comunicato apparso sul sito ufficiale dell’Ambasciata Italiana a Parigi:

“Obbligo di tampone in Italia provenendo da 7 regioni francesi: Si informano i connazionali che, ai fini del contenimento della diffusione del virus COVID-19, con ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza del 21 settembre 2020 (valida dal 22/09/2020 al 07/10/2020, salvo proroghe), le misure di prevenzione […] sono estese anche alle persone che intendono fare ingresso in Italia e che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato nelle seguenti regioni francesi: Alvernia-Rodano-Alpi, Corsica, Hauts-de-Seine, Ile-de-France, Nuova Aquitania, Occitania, Provenza-Alpi-Costa azzurra”.

Entrare in Italia dalla Francia: obbligo di tampone e autodichiarazione

La rentrée di settembre ha generato non poca confusione sulla gestione dei contagi da Coronavirus. Ormai Parigi e altre città dell’Esagono, sono le sorvegliate speciali durante questo aumento vertiginoso dei positivi al Covid. La mascherina è ridiventata un must anche nelle zone all’aperto della Ville Lumière. Tuttavia, ci si chiede se il senso civico possa bastare per proteggersi dal virus.

Entrare In Italia Dalla Francia - Tour Eiffel
La Tour Eiffel al tramonto

La circolazione all’interno della nazione rimane infatti possibile, come anche gli spostamenti nel vicino Bel Paese. Per entrare in Italia dalla Francia, i connazionali dovranno seguire le direttive dell’ultimo DPCM del 7 settembre 2020. Vediamone i punti salienti:

  • Per coloro i quali rientrino dalle 7 regioni francesi prima indicate, permane l’obbligo di tampone negativo effettuato 72 ore prima dell’arrivo in Italia;
  • In alternativa, è possibile sottoporsi al tampone al momento dell’arrivo in aeroporto oppure entro 48 ore dall’ingresso in territorio italiano, presso l’ASL di riferimento;
  • Per tutte e due le possibilità, non dobbiamo dimenticare di munirci del modulo di autodichiarazione obbligatoria.

Obbligo di tampone: le eccezioni

Francia e Italia, da sempre cugine europee, lo sono anche e soprattutto nel mercato del lavoro. Rimangono molti i lavoratori transfrontalieri che, operando in Francia, ritornano in Italia quasi quotidianamente. Che cosa fare quindi per entrare in Italia dalla Francia se si appartiene a questa categoria di lavoratori? Vediamo insieme quali eccezioni all’obbligo di tampone sono previste dal DPCM del 7 settembre. Precisiamo che tali eccezioni sono consentite, soltanto se non siano insorti sintomi ricollegabili al Covid-19 e se i viaggiatori non abbiamo soggiornato in uno o più Paesi considerati a rischio. Non sono obbligati all’isolamento fiduciario e alla sorveglianza sanitaria:

  • Coloro i quali per esigenze di lavoro, salute o urgenza, facciano ingresso in Italia per non più di 120 ore;
  • Coloro che entrino in Italia con mezzo proprio per non più di 36 ore. Allo scadere di questo periodo di tempo, i viaggiatori sono obbligati a lasciare il territorio nazionale;
  • Gli appartenenti al personale sanitario in ingresso in Italia, nell’esercizio delle proprie funzioni;
  • I lavoratori transfrontalieri che entrino o escano dall’Italia per motivi lavorativi e che debbano ritornare nella propria residenza o dimora;
  • I funzionari, gli agenti diplomatici, il personale militare e quello della polizia di Stato che compiano ingressi e/o uscite dall’Italia nell’esercizio delle loro funzioni;
  • Gli alunni e studenti che frequentino un corso di studi in uno Stato estero e che debbano ritornare nel luogo di residenza quotidianamente o settimanalmente.

Entrare in Francia dall’Italia: misure meno restrittive

Attualmente, non sono previsti obblighi di quarantena o test molecolare negativo, per chi dovrà entrare in Francia dall’Italia. Le stesse compagnie aeree forniranno un modulo di autocertificazione che attesti l’assenza da sintomi da Coronavirus. Questo, qualora ovviamente si viaggi in aereo e non con mezzo proprio. Ricordiamo quindi, che le restrizioni e l’obbligo di tampone, sono riferibili ai viaggiatori pronti ad entrare in Italia dalla Francia.

Entrare in Italia dalla Francia: le norme del nuovo DPCM ultima modifica: 2020-10-02T15:50:00+02:00 da Sarah Jay De Rosa
To Top