itParigi

ITALIANI A PARIGI LE RICETTE DEGLI EXPAT

Chiacchiere di Carnevale: la ricetta di Iginio Massari

Chiacchiere friabili del maestro Massari

Sentite questo profumo nell’aria? È il meraviglioso odore delle chiacchiere di Carnevale che vengono fritte in quasi ogni casa!

Questa deliziosa pasta fritta è sicuramente il dolce di Carnevale più consumato in Italia, ma ve ne sono tantissimi altri (sempre fritti eh!). Se volete scoprire quali altre leccornie potreste trovare in giro per l’Italia in questo periodo, leggete il mio articolo sui dolci di Carnevale.

Bando alle ciance, quest’oggi voglio condividere con voi la ricetta delle chiacchiere di Carnevale del grande maestro Iginio Massari, che ad oggi è la migliore che abbia mai provato. La sua ricetta mi piace molto perché è ben bilanciata, poco dolce e vi darà delle chiacchiere croccanti, che si manterranno per giorni!

La peculiarità della ricetta è l’uso della farina manitoba (una farina forte) che renderà le vostre chiacchiere croccanti e non unte d’olio, perché ne assorbiranno di meno.

Chiacchiere e Pignoccata
Chiacchiere e pignoccata per Carnevale . Ph credits : Giusi Giaconia

Le chiacchiere di Carnevale: cosa serve

La ricetta è un’ottima base anche per un altro dolce carnevalesco della mia Sicilia, ossia la pignoccata: delle palline di impasto fritte, passate nel miele e ricoperte di zuccherini colorati. Inoltre, perche’ non usarla anche per dei ravioli dolci , ripieni di Nutella? Insomma, una ricetta versatile e golosa!

Ingredienti

500 gr farina Manitoba (11-12 % proteine)

60 gr burro morbido a temperatura ambiente

60 gr zucchero

175 gr uova intere (3-4 circa)

4 gr sale

Scorza di un limone tritata fine

50 gr Marsala (o grappa o vino bianco)

Olio di girasole o arachidi per friggere

Zucchero a velo per decorare

Vi servirà inoltre una nonna papera o un mattarello e olio di gomito!

Pignoccata Siciliana
Pignoccata siciliana con miele e zuccherini o con zucchero a velo. Ph credits: Giusi Giaconia

Mettiamo le mani in pasta!

Setacciate la farina e unitevi lo zucchero e il burro. Iniziate a lavorare l’impasto, creando una sorta di sabbiatura. Unite in seguito le uova sbattute con il sale, sempre impastando. Per ultimo aggiungete la scora di limone e il marsala. Riguardo la componente alcolica: ho di recente scoperto che l’alcol agisce come agente lievitante, per cui non vi serve aggiungere il lievito! Il marsala è sicuramente molto più aromatico della grappa o del vino, ma non è facile da reperire in Francia, per cui sostituitelo tranquillamente con ciò che avete a casa.

Lavorate l’impasto energicamente fino a ottenere un panetto liscio. Avvolgetelo in pellicola e fatelo riposare almeno un’ora in frigorifero (passaggio fondamentale per avere una sfoglia facile da tirare) .

Diamo forma alle chiacchiere di Carnevale

Le chiacchiere devono essere stese sottilissime per avere quella croccantezza che le contraddistingue. L’ideale sarebbe tirarle con la macchina per la pasta fino all’ultima tacca (7 o 8), per avere il giusto spessore. Ma se volete sentirvi meno in colpa per quante ne mangerete, potete stenderle col mattarello. Sarà un ottimo esercizio fisico!

Una volta stesa la pasta, tagliatele a stricioline o a rettangoli, incidendole al centro per evitare di avere un’unica bolla enorme! Usate un coltello affilato o una rotellina tagliapasta.

Lavorate poco impasto alla volta e tenete il restante coperto.

Friggiamo, ma con il giusto olio!

Siamo arrivati alla parte migliore della ricetta, se come me siete appassionati di fritto, ma di un buon fritto!

Usate un buon olio di arachidi o girasole che sono quelli che raggiungono la temperatura ideale per questa frittura (176 gradi) e che danno senso di leggerezza. Riempite d’olio un pentolino di medie dimensioni e fatelo riscaldare bene prima di immergere le vostre chiacchiere.

Friggete poche chiacchiere alla volta, per qualche minuto da entrambi i lati. Non affollate troppo la pentola perché e la temperatura dell’olio scenderebbe e le vostre chiacchiere assorbirebbero più olio del necessario.

Una volta pronte, scolatele bene e spolverizzatele con zucchero a velo!

Chiacchiere Ricetta
Chiacchiere di Carnevale friabili con la ricetta del maestro Massari. Ph credits: Giusi Giaconia

Se invece volete fare la pignoccata siciliana, create un cilindro largo un dito con un poco di impasto, tagliate dei piccoli tocchetti di pasta di circa 1 centimetro e friggeteli. Una volta pronti, sciogliete qualche cucchiaio di miele in padella, aggiungete le le palline fritte e giratele fino a quando non saranno tutte coperte di miele. Decorate con gli zuccherini colorati.

Buon appetito e buon Carnevale!

Chiacchiere di Carnevale: la ricetta di Iginio Massari ultima modifica: 2021-02-11T09:00:00+01:00 da Giusi Giaconia

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x