INTERVISTE

Istituto Italiano di Cultura a Parigi. L’intervista al direttore Fabio Gambaro

Incontro col direttore dell'Istituto Italiano di Cultura

L’Istituto Italiano di cultura a Parigi da un anno ha un nuovo direttore : Fabio GambaroGiornalista culturale e consulente editoriale. Ex corrispondente per testate quali La Repubblica, Le Monde, Il Sole 24ore, L’Espresso, Livres Hebdo ed autore di numerosi libri. Nato a Milano ma residente a Parigi da più di 25 anni. Fabio Gambaro ha saputo rivitalizzare l’Istituto Italiano di Cultura grazie a moltissime iniziative estremamente interessanti. Nell’intervista che ci ha gentilmente concesso ci racconta del suo anno alle redini di questa prestigiosa istituzione.

Che cosa è l’Istituto Italiano di Cultura

Varcato il portone che si trova al numero 50 di rue de Varenne (nel sesto arrondissement), ci troviamo in uno spettacolare hôtel particulier della fine del ‘700. L’Hôtel de Galliffet, che ha ospitato personaggi come Napoleone e Madame de Staël. Verdeggiante, lussuoso ma senza ostentazione. Ecco il sito ufficiale.

L’Istituto Italiano di Cultura è un organismo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, ha come obbiettivo la promozione della lingua e della cultura italiana. Organizza inoltre corsi di lingua e cultura italiana, oltre a fornire informazioni e documentazioni sull’Italia (in ambito culturale).

Progetti passati e futuri

Il nuovo direttore ha saputo in poco tempo far vivere all’Istituto un’importante rinascita che ha portato il coinvolgimento di circa 20.000 persone. Un pubblico più giovane, e più francese. 150 eventi, mostre, incontri, proiezioni di cinema d’autore. Tra i più graditi : Camilleri e vari incontri legati alla Sicilia, Saviano, la mostra dedicata a Maria Callas alla Scala (in collaborazione con la Scala di Milano), la serie di incontri per i 60 anni del trattato di Roma. Insomma l’obbiettivo di ringiovanire e rianimare l’Istituto è stato senza dubbio raggiunto.

Tra i prossimi eventi vi segnaliamo 

EASY : il 10 Gennaio la proiezione del film di Andrea Magnani. Seguirà il dibattito in presenza del regista. Un film che rientra nel filone del nuovo cinema d’autore e vincitore del Gran Premio della Giuria al Festival di Annecy.

CHIARA CIVELLO: l’11 Gennaio. Un concerto da non perdere. Per chi ancora non la conoscesse…Una voce da ascoltare ancora ed ancora ! Volete saperne di più? C’est par ici!

Ed infine un evento sostenuto dall’Istituto Italiano di Cultura, DE ROME À PARIS. Dal 25 al 28 Gennaio al cinema L’Arlequin si proietteranno 8 pellicole tutte italiane. Giovani e  talentuosi artisti, da non perdere per nessun motivo. 

 

Elisa Alessandro

Autore: Elisa Alessandro

Membro a vita del Duse Studio di Roma, Centro Internazionale di Cinema e Teatro, diretto da Francesca De Sapio.
Nel 2006 fonda insieme a Marco Calvani l’Associazione Culturale Mixò. Attrice e autrice (nel 2008 e 2011) scrive ed interpreta “Sarà Estate –
dedicato a Jean Seberg”, debutta a teatro all’età di 16 anni e ha all’attivo numerose esperienze in Italia e all’estero. Ha lavorato, tra gli altri, con Neil LaBute, Marco Calvani, Luciano Melchionna, Ivano De Matteo, Francesca De Sapio, Carlotta Corradi, Lidia Vitale, Marco De Luca.
Vive a Parigi dal 2011 e sta attualmente lavorando alla realizzazione del suo primo lungometraggio.

Istituto Italiano di Cultura a Parigi. L’intervista al direttore Fabio Gambaro ultima modifica: 2018-01-08T15:05:17+00:00 da Elisa Alessandro

Commenti

To Top