ARTE & CULTURA

Festival di Avignone, Emma Dante debutta in Francia con Bestie di Scena.

Avignone

A tre ore da Parigi, nella storica cornice di Avignone, inizia il Festival teatrale più atteso dell’anno.

Il Festival di Avignone

Avignone

La locandina del Festival.

Il teatro di Parigi fa le valige per l’estate, e si trasferisce ad Avignone. Il Festival, fondato nel 1947 da Jean Vilar, giunge oggi alla sua settantunesima edizione. Un numero incredibile di spettacoli e di spettatori. Una città che per 20 giorni interi, dal 6 al 26 luglio, vive, respira e si ciba di solo teatro . Un’esperienza unica. Venti giorni in cui le spectacle vivant rivendica tutta la sua vitalità.

Appuntamento immancabile per le compagnie di tutto il mondo, vede ancora quest’anno la presenza di una delle voci più interessanti del panorama teatrale italiano : Emma Dante.

Emma Dante

Avignone

Emma Dante.

Diplomata nel 1990 all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, ha all’attivo, tra i tanti, 4 premi Ubu. Ha collaborato recentemente anche con l’Istituto Italiano di Cultura a Parigi. Drammaturga e regista di spettacoli indimenticabili, tra i quali mPalermu, Carnezzeria, le Sorelle Macaluso (in scena a Parigi, al teatro du Rond Point, nella stagione 2014-15). Il teatro di Emma Dante è un’esperienza. Qualcosa che ti rimane sulla pelle. E nell’anima. Un teatro visionario, provocatorio, evocativo, carnale, profondo, antico e attuale allo stesso tempo.

Bestie di Scena

Avignone

Bestie di Scena.

Con il suo Bestie di Scena, Emma Dante e la sua compagnia arriveranno ad Avignone dal 18 al 25 luglio.

Spettacolo co-prodotto dallo stesso Festival, dal Piccolo Teatro di Milano, dal teatro Biondo di Palermo e dalla Compagnia Sud Costa Occidentale (da lei fondata nel 1999).

Terza tappa di un tour che toccherà il suolo parigino il 6 febbraio, per tre settimane, nello splendido théâtre du Rond Point.

75 minuti nell’occhio del ciclone di “un’umanità in fuga senza via d’uscita”. Affiatatissime Bestie di Scena che metteranno a nudo tutta la loro umanità.

“Senza storie da raccontare, nè costumi da indossare, le bestie di scena si muovono maldestramente come al principio di tutto, obbligandoci a dare peso, volume e ingombro al nostro sguardo. Siamo noi a decidere se accoglierli o rifiutarli” (dalle note di regia).

La compagnia

Sedici gli attori che compongono la compagnia. Per la maggior parte siciliani, ma tra i quali troviamo anche Stephanie Taillandier, parigina, Elena Borgogni, italiana che vive a Parigi ed Emilia Verginelli che vive tra Roma e Parigi. E proprio durante il suo ultimo periodo parigino, ne ho approfittato per incontrare Emilia, che collabora con Emma Dante dal 2011.

Due domande ad Emilia Verginelli

Avignone

Emilia Verginelli.

Come descriveresti il lavoro con Emma Dante ?

Il teatro di Emma è un continuo processo di ricerca. Nasce dall’esigenza di mettersi in discussione, sviluppando temi fondamentali, senza mai arrivare ad una risposta definitiva. Noi, in quanto attori, siamo liberi di sperimentare, e allo stesso tempo guidati dalle intuizioni di Emma. Lo spettatore è sempre libero di interpretare le immagini che si creano davanti a lui, ha un ruolo estremamente attivo.

Com’è nato Bestie di Scena ?

È stato un percorso durato un anno e mezzo. Come in tutte le sue produzioni, Emma non ti propone una certezza, non arriva con un copione pronto, ma ti invita a ragionare. Tutto è una sorpresa. Come l’emergere del concetto di comunità che ha molto presto permeato il nostro lavoro. Ci siamo posti delle domande specifiche, legate all’attore, all’artista, per poi allontanarcene. Abbiamo lavorato su Shakespeare, sulle improvvisazioni, e da lì sono nati dei personaggi. Fino poi a renderci conto che le parole, i costumi, i manierismi altro non erano che maschere per nascondere quegli stessi esseri umani. Lo spettacolo è nato in quel momento di silenzio, in quel ritorno all’essenza primordiale dell’uomo, in quel vuoto assoluto che ci ha permesso di ritornare all’essenziale.

Bestie di Scena

Dal 18 al 25 Luglio 2017, Festival di Avignone.

Dal 6 al 25 Febbraio 2018, teatro du Rond Point, Parigi.

Elisa Alessandro

Autore: Elisa Alessandro

Membro a vita del Duse Studio di Roma, Centro Internazionale di Cinema e Teatro, diretto da Francesca De Sapio.
Nel 2006 fonda insieme a Marco Calvani l’Associazione Culturale Mixò. Attrice e autrice (nel 2008 e 2011) scrive ed interpreta “Sarà Estate –
dedicato a Jean Seberg”, debutta a teatro all’età di 16 anni e ha all’attivo numerose esperienze in Italia e all’estero. Ha lavorato, tra gli altri, con Neil LaBute, Marco Calvani, Luciano Melchionna, Ivano De Matteo, Francesca De Sapio, Carlotta Corradi, Lidia Vitale, Marco De Luca.
Vive a Parigi dal 2011 e sta attualmente lavorando alla realizzazione del suo primo lungometraggio.

Festival di Avignone, Emma Dante debutta in Francia con Bestie di Scena. ultima modifica: 2017-07-18T12:44:44+00:00 da Elisa Alessandro

Commenti

Commenti

To Top