NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA
ATTIVITÁ

La Fête de l’Humanité, weekend in grande stile per l’edizione 2018

La Fête De L'Humanité

Settembre, tempo di rentrée, ma anche di grandi festival musicali. Per rinfrescarvi la memoria, noi qui ve li abbiamo tutti segnalati. A breve sarà inaugurato uno dei festival settembrini più amati dai parigini: la Fête de l’Humanité. Dal 14 al 16 settembre, infatti, il festival musicale avrà luogo come sempre al parco dipartimentale Georges Valbon a La Courneuve. In particolare quest’anno tra gli ospiti d’onore ci saranno i Franz Ferdinand, i Suprême NTM in pieno Seine-Saint-Denis style, Bigflo & Oli e tanti altri artisti ancora. Tutte le informazioni utili su orari, i mezzi di trasporto per arrivarci e tariffe sono consultabili sul sito della manifestazione.

La Fête de l’Humanité: un po’ di storia.

Tradizionalmente la Fête de l’Humanité (o Fête de l’Huma) è considerato il festival musicale più longevo della storia parigina. Fu fondato infatti nel 1930 da Marcel Cachin, politico francese comunista e direttore del quotidiano l’Humanité, punto di riferimento della sinistra francese.

Nata con l’idea di essere una manifestazione di “solidarietà proletaria”, ancora oggi la Fête de l’Humanité racchiude in sé diversi eventi. Oltre ai consueti incontri politici, ci sono anche eventi sportivi, culturali, di attualità, senza dimenticare naturalmente i concerti. Il tutto organizzato in spazi appositamente dedicati.

L’illustrazione italiana alla Fête de l’Humanité 2018.

Tra i vari eventi citati, ce n’è uno in particolare, ma facciamo un breve passo indietro. Dal 30 aprile al 29 giugno 2018 il giornale l’Humanité ha pubblicato delle illustrazioni per ricordare i 50 anni dal famoso maggio ’68. Tra queste vi segnaliamo Salvadanaio, un’opera del 2008 dell’artista e graphic designer trentino Tomaso Marcolla. Tutte le illustrazioni pubblicate da l’Humanité, compresa quella di Marcolla, faranno parte della mostra dal titolo “Tenir l’affiche” allestita durante il festival.

La Fête De L'humanité

Tomaso Marcolla, Salvadanaio, 2008. L’illustrazione pubblicata su l’Humanité farà parte anche della mostra “tenir l’affiche”. Foto: ©Tomaso Marcolla (Facebook).

Ma soffermiamoci un attimo sul significato dell’opera di Tomaso Marcolla. A dieci anni esatti dallo scoppio della crisi economica, il classico maialino simbolo del salvadanaio è rappresentato con una fessura a forma di croce. L’opera risale esattamente al 2008, dunque all’inizio della crisi. Potremmo pensare quasi a una premonizione, a indicarci le difficoltà economiche che di lì in poi hanno colpito sempre più realtà.

Grazie anche a questo evento (e a tanti altri), la Fête de l’Humanité sarà sicuramente un momento di condivisione grazie alla buona musica, senza dimenticare l’impegno sociale e la riflessione.

Foto di copertina: ©Fête de l’Humanité (Facebook).

Serena Mascoli

Autore: Serena Mascoli

Pugliese, classe 1984, dopo gli studi in Storia dell’Arte e in Codicologia si trasferisce a Gerusalemme e in seguito a Milano. Dal 2013 vive a Parigi lavorando come redattrice per diversi studi editoriali. Viaggiatrice indefessa, sempre alla ricerca di qualche concerto in cui scatenarsi, dell’Italia le manca il suo mare e la Lemonsoda.

La Fête de l’Humanité, weekend in grande stile per l’edizione 2018 ultima modifica: 2018-09-13T08:48:02+00:00 da Serena Mascoli

Commenti

To Top